Verso le seimila

Alesub 5960
 atteggiamenti e sguardi preoccupati
 ma ancora non gli cascano le braccia
 al nostro che mignotte e deputati
 al suono di contanti si procaccia
 dei servi prima proni ora ingrati
 gli fanno disinvolti voltafaccia
 finito silvio calma la corrente
 vorrebbero parla’ ancora alla gente

mao 5961
 vista in tivvù la fine d’un potente
 da culone e abbronzati abbandonato
 rideva ancor costì, come un demente,
 e non capiva d’essere arrivato.
 “il popolo italiano è ancora abbiente”
 ripete ancor, ma è un pugile suonato.
 nessuno che lo toglie dalla gogna,
 forse vorrà morire di vergogna.

Alesub 5962
 diamogli un’altra spinta se bisogna
 sebbene sia ridotto quasi all’osso
 di fare ciò che deve non si sogna
 e raschia ancora il fondo a più non posso
 grattando più di un cane con la rogna
 degli italici guai ingrandisce il fosso
 dal giorno della prima messa in onda
 assieme a lui il popolo sprofonda

LUCA 5963
 Che possa fare una fine immonda
 con tutti quei che il cul gli hanno leccato
 Sian essi d’una o di quell’altra sponda
 Di destra, di Sinistra o del Papato
 C’è chi gli scaverà la fossa fonda?
 A Waterloo infin lui è arrivato
 Del cigno il canto ormai prest’ udiremo
 con Apicella andrà pure a Sanremo!

Roberto C. 5964
 E l’Ott’Ottobre forse smetteremo
 di lottar con l’ottave finalmente
 contro il nano ma noi non cesseremo
 di criticare il nuovo delinquente
 che in parlamento come da San Remo
 cercherà di bruciare a noi la mente
 l’avvertiamo: non far come i maiale
 perché stavolta la può finire male.

mao 5965
 del suo tramonto ormai ha preso ‘l viale,
 ma non m’inganna, ‘un pò fingersi morto
 oppur mimetizzarsi, l’animale,
 farmi non potrà più nessun torto
 perchè lo tratterò come un mortale
 e il tiro mio non è mai stato storto.
 la rima mia spezzata, e pur fallace
 di portar danni al nano è ancor capace

Alesub 5966
 nel caminetto suo è spenta la brace
 pur se qualcun ci va alitando ancora
 vediamo le scene di chi non tace
 perchè ulteriori benefici implora
 zompare il fosso a molti non dispiace
 finge anche lui che non se ne addolora
 di vincer non lo lascia la speranza
 comprando voti per la maggioranza

mao 5967
 adesso abbiamo messo l’ignoranza
 sul podio delle emerite virtù
 ognuno può parlar con arroganza
 e dir che dopo il nano ‘n ce n’è più
 dimenticando con quanta eleganza
 il bel re sole fu tirato giù.
 di diluvio parlava il bel sovrano
 ma lui era re e non soltanto un nano

ATRIDE 5968
 La rima ci avrà sì preso la mano
 Ne manca trentadue per fà seimila
 Però non sono certo andate invano
 Visto l’epilogo che ci si profila
 Presto ci si disvelerà l’arcano
 L’ora sarà di riserrar le fila
 Se arriva questo sisma sussultorio
 Finirà inferno e inizia il purgatorio.

Alesub 5969
 le borse hanno andamento ondulatorio
 e questa non è certo cosa nuova
 purtroppo è da tempo un fatto notorio
 ma una ragione in più il mercato trova
 che mostra il suo carattere aleatorio
 se silvio a dir che si dimette prova
 esultano i listini ma poi nega
 e l’euforia frustrata si ripiega

ATRIDE 5970
A lui gli importa una ricca sega
Di quel ch’è giusto o no per il paese
Se mezza italia dentro un fiume annega
E l’altra non arriva a fine mese
Contano i suoi interessi di bottega
E se la tal ministra abbia il marchese
Di certo non si vuol levar di lì
E neanche comprarsi un par di bittippì

http://it.groups.yahoo.com/group/ottav_antiberluska/

Condividi:
Share

CC BY-NC-ND 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

I commenti sono chiusi.