Trionfi la deriva autoritaria!

Matteo Locomotiva

(la canzone preferita del premier)

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Sappiam che viso avesse, e pure come si chiamava…
E di quanto parlasse, quando qualcuno lo inquadrava
quanti nèi avesse in viso allora, di che colore le camicie
ovunque per la via c’è l’immagine sua:
i giovani son tutti eroi e belli
i giovani son tutti eroi e belli
i giovani son tutti eroi e belli…

Conosco anche l’epoca dei fatti, quando creò il suo scompiglio:
i primi anni del secolo, presidente del consiglio,
i tempi in cui ricominciava la guerra santa ai più pezzenti
sembrava un treno espresso vinceva anche il congresso
volando sopra i concorrenti,
volando sopra i concorrenti,
volando sopra i concorrenti…

Era una locomotiva, parlava certo un po’ toscano
Ma tutti dominava con il pensiero e con la mano:
parlando si lasciava indietro distanze che sembravano infinite,
sembrava avesse dentro un potere tremendo,
la stessa forza di un gran meteorite,
la stessa forza di un gran meteorite,
la stessa forza di un gran meteorite..

Leggi tutto

Condividi:
Share