Primi disastrosi effetti della nube di Fukushima sull’Italia: i livelli di quorum saliti al di sopra del 51%

E’ allarme in tutta la penisola, dove gli effetti della nube radioattiva cominciano a farsi sentire nei modi più inattesi. Mentre a Livorno è allarme per la nascita del secondo pisano furbo della storia, alti livelli di odio radioattivo vengono registrati nel nord Italia nei pressi dei ripetitori di Radio Padania: l’attività anomala viene riscontrata in modo particolare cogli ioni di stronzio, tipici della zona.
Appare ancora inspiegabile, agli occhi degli esperti, il legame esistente tra la loro frenetica attività e l’aumento della pressione sulle coste sud, dove la centrale di Lampedusa, da settimane a rischio fusione, viene continuamente irrorata con acqua fresca.
Ma i valori che più allarmano le autorità sono quelli legate alle radiazioni quorum, schizzate sopra il 51% dopo molti anni di efficace contenimento da parte del ministero dell’abbiente. “Dobbiamo intervenire subito” ha commentato preoccupato il primo ministro, “erigeremo immediatamente un legittimo impedimento che eviti il propagarsi della contaminazione all’acqua, dove la pericolosa e incontrollata presenza di referendum è già superiore ai livelli tollerabili”.
Se gli stessi livelli di quorum dovessero riscontrarsi anche nell’acqua, allora sarà necessario un intervento straordinario per la messa in sicurezza della popolazione civile, invitandola a precipitarsi a fare abbondanti bagni al mare nei fine settimana di giugno, al fine di cospargersi il corpo del cloruro di sodio contenuto nel sale marino, l’unico, insieme alle benefiche radiazioni della tv accesa, in grado di evitare la contaminazione permanente.

Condividi:
Share

Homo nuclearensis

Ma se noi oggi dovessimo smaltire i rifiuti altamente tossici che l’uomo di Neanderthal ha lasciato 20.000 anni fa per accendere il fuoco destinato a cuocere la sua bistecchina di facocero, che opinione avremmo di quella specie?

E come ci chiameranno a noi, fra altri 20.000 anni, gli Homini Finalmentesapiens (se esisteranno e saranno sopravvissuti allora saranno per forza davvero sapiens), dai quali saremo antropologicamente diversi, visto che li abbiamo condannati a ciucciarsi le nostre scorie nucleari per poter noi usare il frullatore, l’aria condizionata e la scopa elettrica?

Se qualcuno del forum nucleare, fra un arrocco e l’altro, può rispondere, gliene saranno grati tutti i miei discendenti. Basta una risposta, senza quorum.

Condividi:
Share