Sinistra sbolenfia

E la Sinistra, sinistra, somministra
Varie carie dentarie alle primarie:
si registra l’ex ministra o chi amministra,
Fanno malanno e danno l’orticarie.

Renzi: sentenzi, e, di silenzi, pochi.
Bersani: mani in mani, e invece: troppi.
Civati e i ‘nati’: andati fuor dai giochi.
Progetti stretti, già letti, e un po’ zoppi

Si spera in rosso di sera? c’era: Vendola.
Ma l’abbini agli abomini di Casini,
E alieni, ottieni freni, dividendola.

Grillo è un assillo, oscillo, fo confronti…
Adesione all’astensione a profusione?
Codesta banda è funesta… resta Monti.

Spiegazioni
Un branco di poeti pazzi mi ha recentemente iniziato su facebook alla pratica del sonetto sbolenfio (poi si dice della dannosità sociale dei social network), del quale -incredibile a dirsi- ignora l’esistenza perfino wikipedia (anzi, qualcuno dovrebbe provvedere).
I sonetti in quesione sono autentiche torture per l’avventato poetastro che voglia cimentarvicisi. Prevedono la presenza del più possibile numero di rime interne ai singoli versi, e preferibilmente (cosa che io però non ho rispettato) rime sdrucciole. Con ogni probabilità andrebbero scritte su di una gamba sola mentre ti scappa la pipì, per rendere la cosa ancora più acrobatica.
Siamo gente strana, in effetti.
Dai miei brevi studi, assistito dall’esimio prof. Gùgoli, la pratica risale ai componimenti di Argia Sbolenfi, alias Olindo Guerrini, notevole personaggio di fine ottocento che non conoscevo perchè sono un illetterato, e che non sfigurerebbe in certi gruppi facebook d’oggidì.
Di lui parla wikipedia in questa pagina (sembra un Jean Reno ante litteram).
Qui altre notizie, e qui le rime di Argia Sbolenfi integrali.

Condividi:
Share

CC BY-NC-ND 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

I commenti sono chiusi.