L’Amaro di G8

IL RETROSCENA – Berlusconi inarrestabile
Macchè Aquila, faremo il G8
Nel CPT di Lampedusa!

ideameravigliosaOnna –  Durante una pausa del consiglio dei ministri permanente allestito nella tenda extralusso regalatagli dall’amico Gheddafi, il Presidente del Consiglio ormai soprannominato ‘O’ Terremoto‘ si è concesso un po’ di jogging fra le sue macerie preferite, inseguito dal solito codazzo di giornalisti entusiasti, che gli hanno comunicato come l’idea di fare il G8 all’Aquila incontrasse il consenso generale.
Contrariato dall’idea di non riuscire più a dividere il paese come ai bei vecchi tempi, è tornato bruscamente alla tenda azzurra senza neanche portare l’abituale saluto ai giocatori del Milan che da qualche tempo si allenano a Onna per solidarietà coi terremotati.
L’attesa degli attoniti cronisti è comunque durata poco, perchè dopo una breve discussione coi ministri leghisti, il vulcanico presidente è tornato fuori ancora in tuta da ginnastica annunciando le nuove decisioni: G8 nel CPT di Lampedusa e incontri bilaterali sulla tolda della Pinar. (Nella foto, il momento dell’arrivo dell’idea meravigliosa)
Per l’Aquila e i paesi limitrofi, ormai assuefatti alla ribalta dei riflettori, andranno alcune misure compensative: verranno spostate in abruzzo infatti: il raduno leghista di Pontida, le partite casalinghe del Milan, la casa del Grande Fratello, la sede della Chrysler e tutte e 4 le costruende centrali nucleari.

Condividi:
Share

Un commento:

  1. Solo propaganda. Va in quei posti per fare propaganda.

Commenti chiusi