Buona fine danno

Lo guardo, lo miro, lo penso, lo stimo, l’osservo, lo giro, Ma duemilaundici resta un numero primo E sarebbe migliore Se tutti lo usassimo Come comune massimo denominatore Perciò l’augurio, risibile, E’ che dia buoni frutti e che sia divisibile Non per due, non per tre, non per undici Ma…

Leggi tutto

Condividi:
Share

Cinquemiladuecentocinquanta e uno

ATRIDE 5251 Fin da quando quel dì nel campo scese E son passati più di sedici anni L’Italia, e la sinistra, gli s’arrese E cadde dentro ai suoi palesi inganni Alla rivoluzione milanese Al mito imprenditore dongiovanni C’è poco da restare esterrefatti Siamo più conniventi che assuefatti Si accettano scommesse…

Leggi tutto

Condividi:
Share

Lettere dal fronte

Un amico mi invita a nozze proponendomi una serie di anagrammi e sfidandomi a proporne di nuovi della lodevole frase Liberiamo l’Italia da Berlusconi Ecco il mio contributo, in forma –rullino i tamburi– di sonetto: Abile al sublimare idolatrico L’illiberale abuso marcia nitido Ora ballino le mie adulatrici! Bis! Stillicidio amorale:…

Leggi tutto

Condividi:
Share

Canta che ti passa

Il gruppo virtuale di poeti bernescanti antiberluska il prossimo 26 aprile compirà un anno e lo festeggerà con una impresa mai tentata prima: la lettura integrale e senza interruzioni delle 2000 ottave antiberluska prodotte dal gruppo in questi 12 mesi. Il tutto avverrà a Prato, località Viaccia, al Circolo LA LIBERTA’…

Leggi tutto

Condividi:
Share

Richter for president

La terra scuote il dorso come un cane E noi che siam le pulci andiamo a terra Le nostre case ahinoi lillipuziane Peggio sono di quelle d’anteguerra Nei costi non son mai le vite umane Fanno ricavo le bare sottoterra Un tempo si pensava più al futuro Ora soltanto a…

Leggi tutto

Condividi:
Share

I due novembre

ATRIDE 1654 Tutti artefatti i TG della sera Prendi ad esempio il caso di Eluana contro agli Englaro in massa ci si schiera Ma è solo una ingerenza vaticana Ai vescovi si cede alla leggera Solo per stare sulla carovana Silvio è immortale e quindi se ne frega Che moian…

Leggi tutto

Condividi:
Share

Ite, missile est

UN’OTTAVA PER LA PACE (1444° dell’ambiziosa serie) L’armata santa a Gaza fa mattanza I missili di Tzipi Livni, vili, Vann’a far pàm fra l’araba paranza Di bimbi tristi tristi, di civili Hamas s’allarga, Allah spaparanza Cinici gl’inni di militi virili Logoro orror, torbo pozzo profondo costoro sono l’orco, porco mondo!

Leggi tutto

Condividi:
Share

Ottave sparse

Ultimamente sono in vena 🙂 Veltroniana  Cari compagni, pastori d’Abruzzo, Ho pronta la ricetta per svoltare: La politica sia quella dello struzzo Col capo nelle nubi, per cambiare. Ma dentro il mio PD sento un gran puzzo Perciò vi dico: è tempo di migrare. Adesso quindi scendo giù dal pero E me…

Leggi tutto

Condividi:
Share